Manovra 2022: ecco le novità fiscali – Parte 1

Tempo di lettura: 4 minuti
manovra-2022-fiscalita-internazionale

Tutti gli interventi più significativi previsti dalla Legge di Bilancio n. 234 del 2021 riportati in un pratico schema.


 

La Legge di Bilancio n. 234/2021, rubricata “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024”, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 310 del 31 dicembre 2021, contiene interessanti novità in ambito fiscale, ma anche in merito alla fiscalità internazionale.

Di seguito, ci occupiamo di schematizzare brevemente, nella prima parte del presente articolo, le novità più rilevanti, illustrando le varie tipologie di agevolazioni fiscali e le varie proroghe fiscali a favore dei contribuenti, suddividendo i diversi interventi per aree di competenza.

AGRICOLTURA 

Agricoltori: abbattimento della base imponibile IRPEF

I coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali possono beneficiare della proroga, per l’intero anno 2022, dell’abbattimento della base imponibile, attraverso la deduzione del reddito dominicale e agrario dei terreni da questi posseduti.

Produttori di birra: ridotta l’accisa sulla produzione

I piccoli birrifici indipendenti possono beneficiare della predetta riduzione in percentuali differenti, che variano dal 20, 30 o 50% a seconda del volume di produzione annua.

SETTORE URBANISTICO 

Smaltimento dei rifiuti urbani per utenze non domestiche: scelta tra pubblico o privato

Questa tipologia di utenze deve comunicare, al Comune o al gestore privato del servizio smaltimento, la scelta di avvalersi dell’uno o dell’altro servizio. La comunicazione ha effetto a decorrere dal 1° gennaio 2023.

Bonus transizione ecologica: prevista una proroga

Il credito di imposta per investimenti in ricerca e sviluppo in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0, e nelle altre attività innovative elencate dall’art. 1, della Legge di Bilancio 2020 subisce una proroga legislativa.

BONUS EDILIZI 

Superbonus 110%: proroga al 2025

Il bonus dedicato a persone fisiche, condomini ed enti del Terzo Settore è prorogato al 2025, coinvolgendo anche gli interventi “trainati”.

Tuttavia, il valore percentuale della detrazione è destinato a ridursi progressivamente nei vari periodi di imposta, come di seguito:

  1. 110% per le spese sostenute entro il 2023;
  2. 70% per le spese sostenute entro il 2024;
  3. 65% per le spese sostenute entro il 2025.

Il superbonus 110% è previsto, fino al 31 dicembre 2023, anche in favore di cooperative di abitazione a proprietà indivisa, purché al 30 giugno 2023 siano stati eseguiti lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.

Superbonus villette: confermato per il 2022

Gli interventi eseguiti dalle persone fisiche sulle unità immobiliari sono coperti fino al 31 dicembre 2022, purché entro il 30 giugno dello stesso anno siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.

Bonus ristrutturazione e antisismico: proroga al 2024

Gli interventi di ristrutturazione e recupero del patrimonio edilizio sono passibili di detrazione Irpef al 50%, fino al 31 dicembre 2024.

La medesima proroga vale anche per la detrazione, sempre del 50%, relativa a opere di messa in sicurezza antisismica degli edifici ubicati nelle zone sismiche normativamente delineate.

Ecobonus su case e immobili di impresa: proroga al 2024

La proroga prevista fino al 2024 riguarda una detrazione di importo variabile a seconda del tipo di intervento specificamente realizzato su case o su immobili ove si svolge attività di impresa.

In particolar, il legislatore prevede una detrazione al:

  1. 50% per finestre;
  2. 65% per cambio caldaie, coibentazioni, pannelli solari termici.

Sono confermate anche le detrazioni potenziate in condominio, al 70-75%, e quelle per i lavori di ecobonus e sismabonus, all’80-85%.

Bonus mobili: proroga al 2024

La detrazione Irpef del 50%, relativa all’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici in linea con i requisiti di efficienza previsti dalla nuova etichettatura UE, è prorogata al 2024.

Occorre considerare, però, che i limiti di spesa coperti dall’agevolazione si riducono progressivamente nel corso del triennio.

Infatti, il limite originariamente previsto per il 2021, ammontante ad € 16.000, si riduce a:

  1. € 10.000 per il 2022;
  2. € 5.000 per il 2023;
  3. € 5.000 per il 2024.
Bonus giardini e terrazzi: proroga al 2024

Il legislatore continua ad agevolare la “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici ed unità immobiliari, confermando fino al 2024 la detrazione Irpef del 36% delle spese sostenute per la realizzazione di pozzi, coperture e giardini pensili.

Il limite massimo di spesa coperto dalla detrazione ammonta ad € 5.000.

Bonus facciate: proroga al 2022, ma con detrazione ridotta al 60%

Continuano ad essere agevolati anche gli interventi di recupero delle facciate esterne, compresa la pulitura e la tinteggiatura, per tutto il 2022.

Tuttavia, se precedentemente la detrazione era pari al 90%, già dal 1° gennaio dell’anno in corso è operativo il nuovo importo percentuale della stessa, ora pari al 60%.

Si ricorda che, qualora si opti per la cessione del credito maturato o per lo sconto in fattura verso il fornitore, è necessaria l’asseverazione di congruità delle spese sostenute.

Nuovo bonus al 75% per l’eliminazione delle barriere architettoniche

La Legge di Bilancio in commento prevede un nuovo bonus, sempre nella classica forma della detrazione fiscale, pari al 75% per le spese sostenute nel 2022, relative all’eliminazione delle barriere architettoniche.

Il tetto di spesa coperto dall’agevolazione è così previsto:

  1. € 50.000 per edifici unifamiliari o unità indipendenti in edifici plurifamiliari;
  2. € 40.000 moltiplicati per il numero di unità immobiliari negli edifici da due a otto unità;
  3. € 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari negli edifici con oltre otto unità.
Bonus TV e decoder: rifinanziamento per tutto il 2022

I pensionati che abbiano superato il settantesimo anno di età e godano di un trattamento pensionistico inferiore ai 20.000 euro, potranno ricevere TV e decoder direttamente a casa.


 

Questa è la prima parte del nostro articolo. Nei prossimi articoli continueremo ad illustrarvi le ulteriori novità fiscali previste dalla nuova Legge di Bilancio, con riguardo alle disposizioni di fiscalità internazionale, attività di riscossione, nuovo sistema impositivo Irpef, agevolazioni alle imprese, agevolazioni acquisto prima casa, agevolazioni per lo sport. Vai alla parte 2.

Continua a seguire i nostri updates, o contattaci nell’apposita sezione per una consulenza mirata, a cura del nostro team di esperti in diritto tributario, fiscalità internazionale e contrattualistica nazionale ed internazionale.

Avv. Maurizio Mazzoni
Avv. Eleonora Dell’Anna

AUTORE

AVV. MAURIZIO MAZZONI

Vai alla pagina

avvocato maurizio mazzoni fiscalità internazionale